15/02/2015
    L’UNIONE FA L’AMBIENTE
    Presentata a HIT Show un’alleanza per l’ambiente tra Expo e governance europea a partire da cinque proposte concrete

    L’Unione fa l’Ambiente, una nuova cultura ambientale veicolata attraverso iniziative e soluzioni concrete, con lo sguardo rivolto all’Europa e alla straordinaria vetrina rappresentata da Expo 2015. Questo il focus dell’evento tenutosinella mattinata di domenica 15 febbraio nell’ambito di HIT Show (Hunting Individual Protection Target Sports) presso la Fiera di Vicenza.

    L’iniziativa è stata organizzata da CNCN (Comitato Nazionale Caccia e Natura), ed è frutto della sinergia progettuale per una nuova Filiera ambientale tra soggetti con storie e identità diverse – mondo delle aree protette, dai settori agricolo, venatorio e universitario – confluita in cinque progetti che intendono rispondere alla necessità di un nuovo equilibrio tra uomo e ambiente, costruito nella legalità e capace di generare nuove opportunità per l’economia e l’occupazione, attraverso un approccio pragmatico.

    L’iniziativa presenata a Roma a gennaio è oggi alla sua seconda tappa. Già plaudita nel suo primo appuntamento alla presenza del Ministro dell’Ambiente Galletti, ha avuto una conferma di attenzione da parte delle Istituzioni con la presenza a Vicenza del Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente Barbara Degani che ha dichiarato: 

    Questa iniziativa testimonia che è in corso un cambiamento culturale che deve proseguire, ringrazio il CNCN per l'idea di unire persone che hanno fatto strade diverse ma un obiettivo comune che è quello della tutela ambientale. Si tratta di un esempio importante per noi, ben vengano iniziative come questa che superano le sterili contrapposizioni frutto di posizioni ideologiche. Bisogna individuare un percorso comune di condivisione anche in virtù della valorizzazione dell'Ambiente in chiave lavorativa, partendo dalla scuola da una parte e dall'occasione offerta da EXPO dall'altra”.

    Analogo sostegno da parte del sen. Luciano Rossi, presidente della FITAV (Federazione Italiana Tiro a Volo), che ha riconosciuto il grande valore del percorso intrapreso.

    Il dibattito ha avuto un importante focus europeo con l’intervento di Pia Bucella - direttore Capitale Naturale, Direzione Generale Ambiente Commissione Europa - che ha ribadito il ruolo della caccia nella gestione della fauna a livello comunitario, considerazione indispensabile peril superamento di pregiudizi ideologici sul mondo venatorio che invece può contribuire alla valorizzazione della biodiversità.

    Sempre in chiave europea il contributo dell’on. Renata Briano – europarlamentare, vice presidente Commissione per la Pesca Parlamento Europeo, vice presidente dell’Intergruppo parlamentare sulla Biodiversità, Caccia e Ruralità – che ha plaudito al valore del dialogo tra culture distanti che devono confrontarsi per una visione più ampia della sostenibilità ambientale anche con il contributo della ricerca scientifica, arginando tutti i fondamentalismi che minacciano questa unità.

    Maurizio Zipponi, coordinatore del progetto Filiera ambientale, ha tirato le somme del lavoro fin qui fatto e degli obiettivi futuri: “Con questa iniziativa gli estremisti si sono auto-eliminati, siamo portatori di interesse generale e non corporativo. Il progetto ambisce a costruire una nuova cultura ambientale in cui tutti siano partecipi e anche la caccia abbia un ruolo attivo e riconosciuto”.

    Lo spirito del tavolo di lavoro è di fare in modo che la gestione del patrimonio naturale non sia più luogo di conflittualità ma di costruzione di opportunità economiche e occupazionali concrete nel pieno delle regole nazionali ed europee e della legalità. “Offriamo un metodo, - ha conclusoZipponi –insieme a un tavolo di confronto che va avanti da un anno”.

    In occasione della presentazione sono stati ricordati tre dei cinque progetti che compongono l’iniziativa Filiera ambientale:

    L’iniziativa, realizzata nella principale manifestazione dedicata al mondo venatorio, è stata salutata con soddisfazione dall’Avv. Nicola Perrotti – in veste di vice presidente CNCN – che ha ribadito come “il mondo venatorio non sia da posizionare da una parte piuttosto che dall’altra, noi samo già dalla parte giusta e finalmente questo ruolo ci è stato riconosciuto tramite questo gruppo di lavoro”. Soddisfatto anche il saluto del direttore generale di Fiera di Vicenza Corrado Facco per un incontro di grande spessore, arricchitoanche dal contributo di Filippo Segato, segretario generale FACE (sodalizio che raccoglie tutte le associazioni di cacciatori europee), che in ambito comunitario si confronta quotidianamente con queste tematiche.

    Tutti i partecipanti si sono dati appuntamento ad una nuova tappa di questo non facile percorso, al fine di scandire il passo di avvicinamento all’obiettivo condiviso.

     

    allegati   15.02.2015.docx
    COMUNICATI STAMPA
    05/06/2017
    Una partecipazione di tiratori e di pubblico oltre le attese ha caratterizzato la prima edizione del Trofeo dedicato a coloro che si sono avvicinati per la prima volta al tiro a volo
    30/06/2016
    La ventiseiesima edizione chiude i battenti dopo tre giorni di kermesse dalla strepitosa riuscita. Game Fair ribadisce la sua vocazione di fiera outdoor per tutta la famiglia.
    21/12/2015
    progetti per una nuova qualità della vita
    30/10/2015
    Confronto tra Italia e Paesi europei su nuove politiche e alleanze per la salvaguardia della biodiversità
    18/09/2015
    Un forte “in bocca al lupo!” a tutti i cacciatori che si apprestano a effettuare l’apertura generale
    30/05/2015
    Sabato 30 maggio ore 12.00 Game Fair 2015, Grosseto
    23/05/2015
    Fitav, Anpam e Cncn, in collaborazione con l’Università di Urbino Carlo Bo’ uniti nel progetto NeoFitav che mira ad agevolare l’approccio dei “neofiti” alle discipline sportive della Federazione, dialogando in particolare con le nuove generazioni
    04/05/2015
    L’articolo a firma di Kristen Schmitt
    31/03/2015
    Una nuova location per l’unico esempio di country festival italiano, in programma dal 30 maggio al 1° giugno 2015 nell’area della Fiera del Madonnino.
    16/01/2015
    Progetti per una nuova qualità della vita
    condividi
    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.